il Carnevale di Ascoli - il Vice Presidente

Giovanni_Massi2      E’ Giovanni Massi il nuovo Vice Presidente della Associazione “il Carnevale di Ascoli”, per il triennio 2009/2012. Succede a Luigi Miozzi, già Vice del compianto Mimì Cappelli, Presidente a sua volta, poi ancora Vice questa volta di Zè Migliori nel triennio appena concluso. Miozzi ebbe l’ onere di essere in prima fila in una fase molto delicata, infatti analogamente a quanto accaduto una dozzina di anni prima alla Società Amici Carnevale Ascolano, l’ Associazione si era richiusa su se stessa a causa di un inspiegabile blocco delle iscrizioni che si protrasse per qualche anno. Nell’ ottobre del 2006, Miozzi le riaprì e nel giro di pochi giorni gli iscritti furono ben 303, che elessero poi Migliori alla presidenza per la prima volta. Massi quindi, raccoglie una eredità pesante, anche se la carica ha avuto modo di guadagnarsela sul campo grazie all’ incessante attività svolta in questi tre anni come Consigliere del Direttivo. Basti ricordare, i rapporti tenuti con la Fondazione Ca.Ris.A.P. che insieme al Comune è la maggiore sostenitrice del Carnevale, la gestione della Rassegna di Commedia dell’ Arte, per non parlare della perla di questi ultimi giorni essere riuscito ad ottenere il riconoscimento F.I.A.F. per il concorso cinefotografico del Carnevale 2010 che indurrà decine di concorrenti a venire in Ascoli il prossimo febbraio.

Confermati, Alessandro Spadea alla Segreteria Organizzativa e Stefano Traini (primo degli eletti sia nel 2006 che nel 2009) alla Segreteria Amministrativa.

Insomma una squadra molto forte e ben assortita in tutti i reparti, come si evince dalla lettura dei nomi degli altri Consiglieri del Direttivo: Ottorino Pignoloni, Maurizio Cacciatori, Marco Olori, Luigi Miozzi, Giancarlo Oresti, Paolo Di Benedetto e Cesare Celani delegato dal Sindaco come Componente di diritto non eletto.

A proposito del Sindaco, sempre lunedì sera nel momento in cui annunciava la sua decisione di delegare Celani, ha illustrato le linee guida su cui l’ Amministrazione Comunale si muoverà nel triennio entrante per sostenere la maggiore manifestazione folkloristica dell’ inverno piceno. Oltre a confermare il contributo annuo di 40 mila euro, Guido Castelli insieme all’ Assessore al Patrimonio Giovanni Silvestri risolverà una volta per tutte l’ antico problema della sede per consentire di non disperdere l’ enorme patrimonio di documenti fotografie filmati maschere costumi ed oggetti che raccontano e racconteranno la storia del Carnevale ascolano. Ma il Sindaco da buon avvocato, ha già in mente una svolta epocale che consentirà a questo evento di imporsi definitivamente a livello nazionale come merita grazie alle sue peculiarità; al pari della Quintana occorre creare l’ Ente Carnevale, come avviene nelle altre città in cui si tengono le manifestazioni carnascialesche che in Italia vanno per la maggiore.

Insomma, in linea con il recente passato, si prosegue con la forte unità di intenti tra: la nuova Giunta Comunale, la Fondazione Ca.Ris.A.P. ed il Direttivo del Carnevale or ora rinnovato. Grazie a ciò si otterrà un duplice risultato, favorire il radicamento dei giovani alle tradizioni nostrane oltre a proseguire nell’ opera di pubblicizzazione a livello nazionale della città di Ascoli.

Tutto ciò senza dimenticare il Carnevale Storico del Piceno, perché se Ascoli ha il suo Carnevale in Piazza, ad Offida si tengono i sempre affollati Veglionissimi del Teatro Serpente Aureo e a Castignano c’ è la sfilata de Lì Moccule. In virtù di ciò non è più possibile ignorare il terzo Soggetto (oltre a Comune e Fondazione), rappresentato dalla Provincia; essa si è resa colpevole in passato di aver completamente ignorato questa serie di eventi che, distribuiti in un ampio lasso di tempo, possono costituire la spina dorsale di una destagionalizzazione tanto sbandierata ma mai effettivamente realizzata. A tal proposito nei prossimi giorni verranno intensificati i contatti con il Presidente Piero Celani, nonché con gli Assessori alla Cultura ed al Turismo Andrea Antonini e Bruno Gabrielli, al fine di allestire nell’ ambito del Carnevale del Piceno la Rassegna di Commedia dell’ Arte che giunge alla terza edizione. Essa si avvarrà nella stagione 2009/2010, della Direzione Artistica del regista teatrale Francesco Aceti; il primo spettacolo si terrà nei giorni 14 e 15 novembre, in concomitanza con la 4° Fiera di Carnevale. Trattasi di “Trilogia della Villeggiatura” interpretato da Toni Servillo al Ventidio Basso che, benché non sia un vero e proprio spettacolo di Commedia dell’ Arte come tiene a precisare l’ A. M. A. T., è una esilarante opera di Carlo Goldoni che avvia una stagione in cui saranno presenti spettacoli comici messi in scena in tutta la Vallata del Tronto includendo anche la Riviera Sambenedettese.

 Quindi sia a livello cittadino che a livello provinciale ci sia avvia ad intraprendere un percorso denso di soddisfazioni ma anche di lavoro impegnativo, sono direttamente coinvolte ad Offida e Castignano sia le Amministrazioni comunali che le rispettive Pro Loco.

A conclusione della riunione di lunedì sera, la Associazione “il Carnevale di Ascoli”, ha visto nominare anche i Presidenti del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri. Nel primo conferma di Marcello Fioravanti da parte di Nazzareno Bachetti e Maurizio Guerrieri, nel secondo Enrico De Santis si è visto eleggere Presidente da Claudio Ciarrocchi e Federico Civilotti. Sia lo Statuto che il Bilancio, sono scaricabili dal sito www.ilcarnevalediascoli.it. In Esso è possibile consultare gli elenchi completi divisi per categorie, delle mascherate iscritte in 50 anni al Concorso dei Gruppi; ove presente è possibile scaricare la relativa fotografia, in caso di assenza si invitano i componenti del Gruppo a mettersi in contatto con il 328/6129831 per la necessaria scansionatura digitale che sarà gratuita.   

 

Il sito utilizza solo cookie tecnici e cookie di terze parti. Chiudendo il banner o continuando la navigazione, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori info, anche in ordine alla disattivazione, consulta l'informativa completa Consulta l'informativa