Grottazzolina

grottazzolina       Si trova posizionata su un colle, e guarda la Val Tenna a nord e la Val d'Ete ad ovest. Il suo territorio, come quasi tutto l'ambito provinciale, risulta essere stato insediamento piceno e successivamente romano, dopodiché il territorio subisce le invasioni delle orde barbariche.

     L'attuale Grottazzolina deve i propri natali ai monaci farfensi. Nel 1021 viene concessa in usufrutto ad Azzo, figlio d'Azzone; nel 1062 torna sotto il dominio della Chiesa fermana.

     Da vedere: chiesa romanica di S. Giovanni Battista; Palazzo Comunale (Stampe XVI e XVII sec. di scuola nord europea); chiesa del SS. Sacramento; Teatro Ermete Novelli.
Poco fuori il paese esiste ancora la "filanda", testimonianza di quella che era un tempo un'attività molto importante per il territorio: la bachicoltura.

 

 

 

Non ci sono articoli in questa categoria. Se si visualizzano le sottocategorie, dovrebbero contenere degli articoli.

Altrohost

Il sito utilizza solo cookie tecnici e cookie di terze parti. Chiudendo il banner o continuando la navigazione, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori info, anche in ordine alla disattivazione, consulta l'informativa completa Consulta l'informativa